Elogio dei sogni

Sogno1

Ho sempre avuto un debole per i sogni. Quelli che si fanno di notte. Mi è sempre piaciuto il loro fregarsene di regole e bisogni, moralità e logica, tempi e spazi. Mi ha sempre incuriosito vivere questa vita parallela dove niente è a comando. A volte mi piacerebbe poter ordinare un sogno. Non dico la trama, mi basterebbe i protagonisti, le comparse. Perché lo sappiamo tutti: mentre si sogna sembra tutto vero e non esiste altra vita. Nessuno di noi pensa che in quel momento stia sognando. E quindi, è un regalo bellissimo ritrovarsi e interagire con persone che per un motivo o l’altro non ci sono più nella tua vita. Quando questo accade, ed è stato un bel sogno, la giornata seguente parte meglio. A me piace anche raccontarli, i sogni. Forse perché penso che tutti abbiano il mio stesso stupore ma, in verità, forse non è così. Ricordo un mio vecchio amore. Aveva trovato un modo per scappare signorilmente dal mio:“Sai cosa ho sognato stanotte?” Non facevo in tempo a terminare al frase che mi baciava appassionatamente e poi completava la fuga davanti al mio mondo onirico con: “Preparo la colazione?” Per essere più carino.
Se fossi economicamente più in carne andrei da un un analista. Come si vede nei film. Bella luce, una chaise longue e qualcuno che ti chiede: “Prego, mi racconti i suoi sogni”. Sarebbe un sogno. Per rimanere in tema.
Una volta in un sogno ho guidato un trattore, un’altra ho curato le ferite ad un gatto delle foreste norvegesi che aveva lottato contro una iena. Un’altra volta eravamo in tanti intorno ad un tavolo, all’aperto, abbiamo riso così tanto che per il rumore l’uva che era nel pergolato è caduta sulla tavola. Un’altra ancora, ho dovuto convincere un cavallino che era con me a passare dentro una galleria dove sfrecciavano auto e lui aveva paura. Così gli ho messo una maglia sugli occhi e mentre gli sussurravo di stare tranquillo, piano, piano, siamo arrivati dall’altra parte. Una volta ho sognato una persona alla quale non pensavo più da tempo, un’altra volta amoreggiavo con uno che a fatica saluto. In un altro sogno quasi piangevo dal dolore perché cercavo di scansare i pezzi di vetro che c’erano intorno alla piscina ed io volevo andare a fare il bagno. Una volta, infine, mi sono presa una gran paura perché nel sogno ero dentro ad una bara ma ero ancora viva.
“Perché questa passione per i sogni? Pensi che nella realtà non ci siano posti da sogno? Te li sei scordati? ” Mi dici sempre. “Hai presente il colore dell’acqua nella spiaggia di Berchida dove per chilometri e chilometri eravamo soli? Il Maleecon dell’Habana con le pareti multicolori che si affacciano sul mare? La luce dorata del Sinai? Le sfumature dell’alba che abbiamo aspettato in silenzio sul crinale del Lago?”
E’ vero. E’ vero. Ma un pinguino rosa io l’ho incontrato solo in sogno, però.

Advertisements

70 thoughts on “Elogio dei sogni

  1. Intanto una settimana fa avrei avuto bisogno di te nel sogno del cavallino timoroso, che a percorrere certe gallerie avevo davvero paura.
    E poi mi stupisco come alcuni, tu per esempio, poassano risfogliare i propri sogni come libri appena letti. Io non ricordo un sogno, gia’ al mattino so solo di aver sognato qualcosa di piacevole o angosciante, ma quanto a trama nulla, nemmeno un fotogramma, come essermi addormentato al cinema, com’era il film? be’ emozionante, rispondo vago.
    ml

  2. Ho lo stesso tuo debole PB, però sono mesi e mesi che li ricordo pochissimo. :(
    Appena mi sveglio faccio il possibile per fermarne il ricordo ma la maggioranza delle volte il sogno mi sfugge.
    E mi infastidisco tanto di questa mia incapacità, uffa!
    Dei sogni spesso quindi mi rimane solo la sensazione, più o meno bella, di quel che durante la notte ho “vissuto”.
    Di quelli che ricordo, molti sono strani, contorti e confusi. Alcuni persino premonitori.
    Che dici, facciamo a metà e andiamo insieme da un analista?? ;-)

    Vorrei tanto guidarli ma … come si fa??? :-/
    Pensa che l’altra sera ero sul divano e mi sono addormentata: ho sognato una persona a me tanto cara e dalla contentezza di averla accanto… mi sono svegliata! :(

    E’ giusto, salutare e bello sognare, sia dormendo che ad occhi aperti e doveroso aver cura soprattutto di quelli che vorremmo poter realizzare. :)

    Un abbraccio e un sorriso, PB
    buon fine settimana, ciao
    Ondina

  3. “Hai presente il colore dell’acqua nella spiaggia di Berchida dove per chilometri e chilometri eravamo soli? La luce dorata del Sinai?
    che sogni belli!!

    …evviva i sogni, e meno male che ci sono…così il nostro io ha un pò quiete… :)

  4. anch’io ho sempre ricordato piuttosto bene i sogni.
    ce n’è alcuni che vengono interrotti quando ancora non è il momento e mi rimangono addosso tutto il giorno, come se parte di me fosse ancora lì pronta a riprendere il sogno. non è una sensazione del tutto piacevole, a volte sì ma a volte mi fa sentire molto sospesa.
    poi arriva la notte e io vado a letto con già la sensazione con cui mi ero svegliata al mattino, come se potessi riprendere esattamente da dove avevo lasciato, come nelle puntate dei telefilm. ci spero ogni volta, se non altro per vedere come va a finire.
    non funziona, naturalmente.

    • Effettivamente quella sensazione di sogno appiccicato addosso a vote ce l’ho avuta anch’io. Soprattutto per gli incubi. Ma di riprendere un sogno dove l’avevo lasciato mai.

  5. Ciao Sandra, questo è uno degli argomenti che mi affascina di più. Sogno molto, quasi tutte le notti, anche se a volte non li ricordo. I miei sogni sono di vario genere, probabilmente la mia mente si rilassa, si scatena e ne esce fuori di tutto. Mi piace tutto questo ed a volte metabolizzo nei sogni quello che non riesco a fare nella vita e poi…lo faccio anche ad occhi aperti, e qui, sono dolori.
    Bellissimo argomento il tuo e anche scritto bene.
    Grazie Sandra e buon weekend.
    Rita

  6. Il sogno ci dice molto del nostro stato d’animo, io di solito ricordo più spesso i sogni quando attraverso fasi di tensione. A me comunque è capitato spesso di sognare “sapendo” che si trattava di un sogno e di fare sogni “a puntate” ;)

  7. mi piace sognare…mi piace quando sogni vecchi amori o persone che non ci sono più ma che ho voluto un bene immenso…..mi fanno stare bene durante il giorno questi sogni…un bacio

  8. Il sogno è una dimensione così affascinante!
    Sai, quand’ero ragazzina e sognavo situazioni pericolose oppure di cadere o di volare mi rendevo conto che era un sogno e fra me e me dicevo: sto sognando, continuo a cadere che è bellissimo!
    Ecco, da adulta non mi è mai più successo, strano vero?
    Bellissimo post, cara Sandra, un bacione!

  9. penna,sai cosa mi hai ricordato? poe, se non ricordo male era pure diventata una frase da gadget tipo maglietta: coloro che sognano solo di notte si perdono molte cose che si gode chi sogna anche di giorno. inutile dire che per me tu fai parte ovviamente della seconda categoria…

  10. Sognare è bellissimo… Anche quando lo fai ad occhi aperti… Il tuo cuore ha ancora desideri, passioni, voglia di vivere… Quando smetti di farlo e ti accontenti di vivere semplicemente la realtà… Allora si che sei vecchio qualsiasi sia la tua età.

  11. “A volte mi piacerebbe poter ordinare un sogno.”
    In realtà sei tu che “ordini” un sogno, cara Sandra!
    Io riesco a ricominciare un sogno interotto!
    Sì. Mi accade molto spesso! E’ qualcosa che mi sbalordisce.
    Devo però scrivere un sogno, appena sveglia, altrimenti, lo dimentico nei suoi minimi particolari.

    Per me il colore dell’acqua, il camminare soli ed insieme, per chilometri e chilometri, le pareti multicolori, la luce del Sinai, le sfumature dell’alba, attese insieme in silenzio, valgono molto più di un pinguino rosa!
    Con-dividere in silenzio, cogliere insieme tutte queste meraviglie è un vero sogno, è il sogno più vivo e più emozionante!

    Bello scritto, cara Sandra!
    Sì, tu vorresti farti interpretare i tuoi sogni notturni.
    Costa tantissimo e, poi, mia cara… tu hai tanti sogni incredibili che vivi insieme con qualcuno!
    Goditeli fino in fondo!
    Ti abbraccio
    gb

  12. Si ricordano solo i sogni che si fanno all’alba, poco prima di svegliarsi, e bisogna scriverne subito la trama, perché scompare in un attimo. Io ero uno di quelli che faceva sogni a puntate, anche quando non vivevo ancora a Milano. Erano avventure vere e proprie, ma con tanti elementi surreali, così da renderle inutilizzabili per un racconto, anche se qualche mio racconto, a dire il vero, deriva proprio da un sogno.

  13. io sono un sognatore da competizione, spesso riesco a indirizzarli e giocarci, creandone, almeno all’inizio, come li desidero, poi certo se ne vanno per la loro irresistibile strada :)

  14. La penso esattamente come te. Anche io adoro sognare. Fin da bambina prima di addormentarmi cercavo di indurre i sogni. Purtroppo ne ho un paio di brutti, ma bruttibrutti, ricorrenti. Ciao cara, a prestissimo :-)

  15. Eppure cara Penna Bianca anche tutto ciò che riguarda l’aspetto onirico ha un suo ordine e risponde a motivazioni e bisogni ben precisi, più o meno immediatamente chiari e decifrabili per ciascuno di noi. E’ illusorio pensare che sia un mondo scevro da regole ben precise. Tuttavia è piacevole invece immaginare che sia insospettabilmente casuale e ci si abbandona ai sogni liberamente! Ma se ci pensi non è un caso che spesso abbiano a che fare con qualcosa che ci è successo nell’immediato o poco prima.
    Un abbraccio e…sogni d’oro! :)
    Susanna

  16. Io stanotte difendevo i miei vestiti e le mie cose in valigia da molte persone (e anche alcuni amici) che volevano rubarsele per dormirci su, e io non avevo di che coprirmi, e avevo freddo. Che di malumore mi sono svegliata, quando è così se ho tempo ci ridormo su un pochino perché solo così mi passa.

  17. Marzullianamente potrei chiederti “Ma la vita è un sogno o i sogni aiutano a vivere meglio?”….ma sono più per….

    Io invece ultimamente non sogno…meglio così.

  18. Ecco finalmente riesco a scriverti.
    Quello che dici è sacrosanto, ma ti confesso che quando la mia analista mi ha dato una sua chiave di lettura di alcuni sogni che avevo fatto e che sentivo di volevo condividere o comprendere, ci sono restata così di sasso che preferisco non sapere e tenermi il sogno così.
    Oh, se vuoi potremmo iniziare corrispondenza epistolare sui sogni e almeno parlarne tra di noi.

    • Dici che è meglio rimanere in superficie che anche i sogni, gratta, gratta chissà cosa hanno sotto :-) D’accordissimo sulla condivisione epistolare dei nostri sogni almeno si risparmia. Chi comincia? Il prossimo bellino che faccio te lo racconto. ciao!

  19. Io la notte sogno. Sempre. Forse perché da un po’ di tempo da sveglio sogno molto meno, e a sensazione non ci ho guadagnato. Ma so che ricomincerò.

  20. stanotte ho sognato che il terrazzino di roccia dove ero in sosta (stavo arrampicando sul Pelmo pensa te) ha ceduto di mezzo metro sotto i miei piedi e stava per venir giù tutto, io non ero assicurata, ma muovendomi come un equilibrista sono riuscita a tirarmi su, in salvo e poi con me c’era un bambino e i miei amici ad aspettarmi al sicuro…niente di diverso di quello che faccio nella vita di tutti i giorni e devo sfaticare pure quando dormo! è proprio da me! ;) ad ogni modo penso i sogni ci parlino…ascoltiamoli…un sorriso e un abbraccio cara…

  21. ma lo sai che da ragazzina avevo il “potere” di scegliermi i sogni alcuni di loro sono stati cosi fantastici o cosi inquietanti che ancora le ricordo!!che spettacolo sognare che si faccia dormendo oppure vivendo

  22. Anche a me piacciono tanto e sogno anche spesso. Certo, pinguini rosa mai visti neanche nei miei sogni, ma l’altra notte c’era una tartaruga che si è trasformata in un coniglio bianco che poi è diventato un ragazzo ;)
    Bacio, Sandra.

  23. anche a me piace tanto sognare *_*
    hai presente quelle volte che ti svegli mentre stavi facendo un sogno stupendo e cerchi di ritornare a dormire?
    certo però che alle volte i sogni sono così veri mentre li partoriamo che svegliandoci ci restano addosso quelle sensazioni, quei sentimenti e ci vuole, a volte, più di una giornata per ritornare con la mente a posto ;)

    • ieri notte ho sognato mia mamma. e’ la prima volta che la sogno da quando non c’è più. Scene di vita quotidiana. Sembrava che niente fosse cambiato.Almeno in sogno. ciao

      • a me invece è capitato di sognare i parenti paterni ma non quelli materni… e la cosa devo dire che mi è scocciata..
        di mia nonna poi il sogno era “povera nonna lei è qua e non sa che è già morta”…. T_T

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...