Venuta al mondo

picchio

“ Chissà che tempo sarà stato? Ci sarà stato il sole oppure il cielo grigio? Magari una bella nevicata perché a febbraio non è di fuori. Chissà che tempo faceva il primo giorno che sono comparsa su questo pianeta…”
Chissà perché mi è presa questa fissa perché so già in partenza che quasi sicuramente non potrà avere risposta. Ho guardato anche su internet per vedere se esiste un archivio meteorologico, ma niente. L’unica che avrebbe potuto dirmelo era mamma e lei non c’è più. E lei, non che avesse scritto un diario come fanno le mamme di adesso per appuntare le cose più importanti del loro pargoletto, però si ricordava tutto. Allora pensi a quelli auguri che ti mancheranno oggi. E ti ricordi anche con che tono di voce te li avrebbero fatti. E ti mancano. Ecco, gli auguri per Natale, capodanno fanno piacere ma sono troppo facili. Insomma, è come cantare in coro, ballare sui tavoli quando tutti lo fanno, prendere la febbre quando gira un virus, canticchiare la stessa canzone quando è diventata un tormentone, leggere lo stesso libro quando è un bestseller.
Gli auguri per il compleanno no. Io ho una gran passione per ricordarmi i compleanni, devo dirlo. Forse gioco avvantaggiata, ma se uno mi dice la sua data di nascita è come se automaticamente la archiviassi da qualche parte, per tirarla fuori a tempo debito. Forse perché a me fa piacere riceverli. E so che facendoli chi li riceve ha piacere di riceverli. Insomma, un travaso di piacere. Non so che tempo facesse, ma so per certo dall’estratto di nascita che era mezzogiorno. Sole nel punto più alto della volta celeste. Per gli antichi greci nascere con il sole allo zenit era l’ora dei predestinati. Chissà. A volte mi chiedo in cosa. Forse a vedere se alle sportellate della vita si resta in piedi e soprattutto, come, in che modo ci si resta.
Il calendario degli eventi mi dice che il 15 febbraio erano nati Galileo Galilei, Totò e Carlo Maria Martini. Non so cosa possa avere da spartire con questi uomini illustri a parte che gli ammiro tutti e tre. So forse meglio quello che ho da spartire con la mia amica Lisa, anche lei è nata lo stesso giorno e potrei dire: coraggio di amare, testa sognante, un sorriso malgrado tutto, la bellezza anche dove non c’è. E poi il credere nell’amicizia. Il gusto del condividere, di un progetto insieme. In più, lei dice qualche bel “Vaffa” e invece io sono troppo pedagogica e vado sempre a capire, giustificare. Questi naturalmente sono solo i pregi. Il giorno del compleanno solo pregi. Come in quello del funerale.
Sono contenta che il 15 febbraio ormai da diversi anni hanno istituito “ M’illumino di meno”, la giornata del risparmio energetico. Nata quasi per gioco, per provocazione, dai conduttori del programma radiofonico Caterpillare è diventata sempre più un’iniziativa seguita. Spegniamo una luce in più fuori e proviamo ad accenderla dentro di noi! Magari non solo oggi. Facciamolo per questo pianeta ormai sanguisugato. Cosa sarà mai una lampadina? Accendiamo invece una candela. Che poi a lume di candela tutto è ancora più bello.
Ma il 15 febbraio, San Faustino, (il giorno dopo San Valentino) mi dicono sia anche la festa dei “single”. Ora scusate, ma voi che inventate tutte queste feste bischere, se proprio volete inventarle almeno inventatele bene. Con una logica. Non sarebbe stata meglio festeggiare la festa dei singoli il 13 febbraio, così magari veniva fuori qualche intreccio e da singolo qualcuno diventava coppia e… Taaaaaac! San Valentino il giorno dopo per tu-tu-tu- tubare!
E ora ringraziamenti. Agli auguri del mio babbo fatti con gli occhi lucidi e a quelli di tutta la mia famiglia. Grazie a tutti. Ai tanti. Agli amici. A chi non me l’aspettavo proprio, come qualcuno della cerchia dei wordpressiani che si era appuntata questa data, magari semplicemente perché io l’avevo tirata fuori in un post. Per chi mi ha mandato un messaggino stringato, una mail dall’Australia, per chi me li ha fatti cantando al telefono, per i fiori delle mie colleghe e i bigliettini dei miei alunni (perché loro ci perdono tempo e impegno a fare quei bigliettini coloratissimi e bellissimi in tre secondi dietro la carta riciclata della fotocopiatrice). Per chi me li ha fatti di prima mattina come se non vedesse l’ora, per chi me li ha fatti il giorno dopo perché se li era dimenticati. Per chi non me gli ha fatti e dico: cazzo, ma proprio tu? Come hai fatto a dimenticarlo? Tu che dentro quella bolla per poco tempo, ma per un tempo così profondo, siamo stati così vicini. Ci siamo sentiti così vicini. E una lacrima scende un po’ strizzata e un po’ triste. Ma vaffa! Potrei iniziare oggi a imitare Lisa. Poi guardo la sveglia sul comodino. Sono rientrata tardi e mezzanotte è ormai passata da un pezzo. Siamo già oltre.Oltre il mio compleanno. Ed io, malgrado questa nuvola, oggi sono stata felice.
Oggi c’era il sole. Ma non il sole sfrontato con il cielo azzurro. Un sole che va e viene. Se dovessi dirlo in due parole però direi: tempo buono. E’ freddo ma è freddo asciutto, quello che ti dà energia e non te la toglie. Basta coprirsi. Non tira nemmeno un po’ di vento (quello proprio non lo sopporto). Il crinale innevato si vede benissimo. E’ lì, nitido, morbido, accogliente e quando viene fuori il sole è pura bellezza.

(la foto è di Lisa)

Annunci

55 thoughts on “Venuta al mondo

  1. Tanti auguri, cara Sandra! Con un giorno di ritardo, ma auguri di cuore.
    Commoventi e dolci le tue parole per la tua mamma, io ti capisco, sai, ho perso mio papà tanto tempo fa, ma certe assenze sono comunque presenze e ci sono sempre vicine anche se non possiamo chiedere loro: che tempo c’era quel giorno?
    E voto la mozione per spostare la festa dei singles al 13 Febbraio, giustissimo!
    Un abbraccio e un bacione carissima!

  2. Be’ gli auguri di compleanno non te li faccio, troppo personali, ma ti auguro di ricordarti-costruirti il tempo preferito per la nascita (magari neve o solo cielo coperto a trattenere calore) e crederci come vero. :-) ml

  3. auguri, seppur fuori tempo :)
    io so che quando nacqui (22 gennaio) c’era sole e molta neve, ricordo che una volta mio padre ne aveva parlato, direi una gran bella combinazione

  4. Un abbraccio cara Sandra! Felice che sia stata una bella giornata e che tu sia come sei: capace di vedere la bellezza anche fra i rovi. :)
    Ps. Sono sicura che il giorno in cui sei nata il sole ha fatto capolino…

  5. tu non ci crederai, ma ci pensavo giusto ieri che mi sarebbe piaciuto sapere quando sono nate alcuni dei “blogghers” che seguo… mai risposta poteva essere più provvidenziale (e più poetica)! auguri, penna!
    (e poi un’altra cosa: la foto della tua amica m’ha fatto venire in mente un video “hot” di greenpeace che ho visto l’altro giorno: http://www.lalumaca.org/stampa/archivio/per-san-valentino-fate-lamore-con-la-natura. non sono geniali?)

    • Curiosità provvidenzialmente tolta. ora ricambia e fai outing :-) Il video hot è piuttosto realistico in verità. Perché ci sono davvero alberi dalle fattezze strane. Però levami tu adesso una curiosità: ma dalla foto come sei arrivato al video? Non sarà mica per quell’associazione elementare che mi hai fatto venire in mente? :-D

      • no, scherzi, cosa te lo fa pensare? :-P in realtà avevo visto il video il giorno prima, perché m’era arrivato in newsletter come video della campagna di GP per quel giorno insulso che è san valentino, per cui l’associazione è stata presto fatta. sull’outing, non ho personalità nobili come galileo da sfoggiare, mi devo limitare a un paio di cantanti più o meno noti, tipo bono, e qualche figuro che ha avuto i suoi 15 minuti di popolarità, come disse warhol…

  6. bello tutto.
    bello il racconto, l’introspezione, il ricordo, la malinconia, la voglia di fare, la tenacia e naturalmente tanto bella anche la foto.
    Mi sono un pò rivista in questo “sfogo”, qualche passaggio molto comune al mio, altri un pò meno…ma comunque mi sei vicina.
    la voglia di rendere quel giorno un pò unico, un pò più vivo.
    Tanti tanti cari auguri…sono forse fuori tempo massimo?
    un abbraccio sperando che un pò di calore passi persino attraverso questo freddo schermo.
    Giusy che ha fame ….ma resiste! (tutto da vedere…ihh!!)

    • No. no. non c’è mai fuori tempo massimo per le belle cose (auguri compresi). Grazie delle tue parole. e resisti! Non so bene a quale dieta, restringimento alimentare, ecc. ma io incoraggio sempre chi prova a fare qualcosa :-)

  7. Auguri per tutto l’anno, cara Sandra.
    Adesso me l’appunto questa data, così l’anno prossimo me ne ricorderò.
    C’era il sole? C’era un cielo grigio?
    Sicuramente c’era quello di cui parla Beatrice in Much Ado about Nothing:
    “out o’question, you were born in a merry hour.”
    “No, sure, my lord, my mother cried: but ther there was a star danced, and under that was I born.”

  8. Super super in ritardissimo! Auguri di cuore! e un caldo abbraccio (che lo so che ti piace!).
    Bello avere la gioia di fare gli auguri e ricordarsi le date. Io sono veramente una frana, facendo anche delle figure orribili. Dalla mia c’è che essendo nata il primo agosto non me li fa mai nessuno, nè vengo molto festeggiata. Ma sono certa che sono nata col sole!

  9. Tantissimi auguri per il tuo compleanno cara PB, di cuore, anche se in vergognoso ritardo!! :(
    Spero mi perdonerai! :-(
    Un abbraccio e un sorriso sincero con la raccomandazione di proseguire sempre così che sei davvero in gamba, bella, dolce, simpatica e sensibilissima! ;)

  10. io sono nata per la festa del patrono, che per giunta fa sempre molto caldo, per molto tempo ho creduto che quel giorno di festa che si ripeteva ogni anno ci fosse per festeggiare me, poi sono cresciuta e il mio compleanno se lo ricordano sempre in pochi, forse proprio per colpa del caldo e di quel giorno di festa, ma non sono mai mai mai mancati quegli auguri tanto speciali perchè chi meglio di una mamma sa farti festa il giorno che sei venuto al mondo!!

  11. AUGURI …. cara @Penny ! :-D
    Non sai che giorno fosse, quello in cui venisti al mondo ?!?
    Ora che ho imparato a conoscerti un poco …. di certo fu un bel giorno …. e l’ aria era nitida e pura, cosparsa di profumi !!!!

  12. Ps. E se fosse stata già composta, non ho alcun dubbio, cara amica “penna bianca”, che i tuoi genitori avrebbero cantato felicemente … questa !
    Così sia questa, il mio regalo per te ! :-)))

  13. Ho la tua stessa mania delle date, la tua non la sapevo, e oggi porto tre giorni di ritardo. Ho un’altra piacevole mania, quella dei regali fuori tempo. Ricordo un regalo di compleanno avuto a novembre (da luglio). Lo ricordo perché non scontato e gradito. Dopo tre giorni gli auguri, tra quattro mesi ti fo un regalo. ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...