Leggerezze di stagione

Evasioni

Vaporose strade bianche
nell’azzurro tormalino.
Appaiono, scompaiono
il tempo di salire a bordo
e stracciare i documenti.

Come una piuma

Voci lontane
risa di scorta
è un crinale piatto e blu, l’orizzonte.
Al sole la vita s’allenta
nasconde il suo peso
e mentre gli occhi si chiudono
perfino un libro
cade
inesorabile
sulla sabbia.

Armi leggere (da difesa)

Non ti ho mai visto occhi tanto verdi
ma per un anno, solo muschio e cortecce
erba di campo, ramarri indolenti.
Non ti ho mai visto sedere più tondo
ma per un anno, solo tasche e velluto
ampie gonne sotto il ginocchio
l’ovvia discesa del fiocco di un grembiule.

Vieni qui, ancora con me,
sulla battigia si può trovare di tutto
dopo una mareggiata.

Advertisements

14 thoughts on “Leggerezze di stagione

    • E’ una spiaggia selvaggia della Sardegna. Non me ne vogliate marittimi di tutta Italia, ma per me il mare più bello e più vero è in Sardegna lì. La foto qui sul blog non è neppure venuta nitida, sembra un miraggio (come le mie vacanze, invero).

  1. (Vaporose strade bianche
    nell’azzurro tormalino.
    Appaiono, scompaiono
    il tempo di salire a bordo
    e stracciare i documenti.)
    poi di colpo si abbatterà il cielo sulla strada come palmo sudato sulla pelle del tamburo e i mesi sfuggiranno tra le mascelle e i denti insaguinati di questa cosa che sarà come il mondo di prima, ma tu sarai più vecchia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...